Articoli recenti

This is Photoshop's version of Lorem Ipsn gravida nibh vel velit auctor aliquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci. Proin gravida nibh vel veliau ctor aliquenean.

FOLLOW ME ON INSTAGRAM

+01145928421
mymail@gmail.com

Test di risanamento (what if analysys)

Test risanamento è il tool guidato di Bussola d’Impresa® che simula l’esito della richiesta di accesso alla composizione negoziata previsto dal D.L.118/2021.

Cos’è il “test pratico” camerale?

È un semplice strumento che aiuta a misurare il grado di difficoltà dell’impresa ed eventualmente procedere con maggiore consapevolezza all’invio dell’istanza di nomina dell’Esperto. Consente quindi all’imprenditore di verificare la ragionevole perseguibilità del risanamento, primo step della procedura della composizione negoziata.

Cosa indica l’esito del test pratico ?

L’esito del test di risanamento è un indicatore dato dal rapporto tra il totale dell’indebitamento d’impresa ed il totale dei flussi al servizio del debito. In base al valore di tale indicatore si determina appunto il grado di difficoltà del risanamento:  se i flussi al servizio del debito generati dalla gestione sono sufficienti a consentirne la sostenibilità, la formulazione delle proposte ai creditori può essere effettuata sulla sola base dell’andamento corrente, viceversa la redazione del piano d’impresa e della check -list assume maggiore rilevanza con l’aumentare della gravità dell’esito.

Perché utilizzare il tool Test Risanamento?

La piattaforma camerale dedicata alla composizione negoziata mette a disposizione degli utenti un file excel per l’inserimento dei dati necessari all’ottenimento dell’indice del grado di difficoltà del risanamento. I dati richiesti per la compilazione di tale file excel sono tutt’altro che banali: ognuno degli importi richiesti è frutto di più dati di origine finanziaria, economica, erariale e commerciale. Per questo la procedura guidata del Tool di risanamento permette di arrivare alla definizione dei dati necessari in maniera rapida e completa, precaricando i dati già presenti da Centrale Rischi e da bilancio e assistendo l’utente nell’inserimento delle altre voci.

Cosa prevede il test di risanamento?

Basato sulle indicazioni del decreto dirigenziale che attua il Decreto Legge 118/2021, il Test di risanamento (o test pratico camerale) fornisce la misura della difficoltà di risanamento nel caso in cui un’azienda volesse accedere alla procedura di composizione negoziata. I dati richiesti per valutarne l’esito sono:

  • Debito scaduto.
  • Debito riscadenziato o oggetto di moratorie.
  • Linee di credito bancarie utilizzate delle quali non si attende il rinnovo.
  • Rate di mutui e finanziamenti in scadenza nei successivi 2 anni.
  • Investimenti relativi a iniziative industriali che si intendono adottare.
  • Ammontare delle risorse ritraibili dalla dismissione di cespiti o rami di azienda compatibili con il fabbisogno industriale.
  • Nuovi conferimenti e finanziamenti, anche postergati, previsti.
  • Stima dell’eventuale margine operativo netto negativo nel primo anno, comprensivo dei componenti non ricorrenti.
  • Stima del Margine Operativo Lordo prospettico normalizzato annuo, prima delle componenti non ricorrenti, a regime.
  • Investimenti di mantenimento annui a regime.
  • Imposte sul reddito annue che dovranno essere assolte.

Attraverso la precompilazione dei dati di Centrale Rischi e bilancio, si ottiene una duplice valutazione: un Indicatore inerziale e l’ Indicatore camerale.

I vantaggi del tool

Il Test di Risanamento di Bussola d’Impresa® fornisce un doppio indicatore della difficoltà di risanamento in modo rapido, semplice ed intuitivo grazie a:

  • caricamento automatico dei dati di Centrale Rischi in pdf;
  • importazione dei datidi Bilancio in formato xbrl o Excel;
  • compilazione guidata dei dati commerciali ed erariali;
  • possibilità di redigere più test di risanamento per vagliare diverse ipotesi di piano industriale.

Il test produce due indicatori. Il primo è una valutazione inerziale che permette un esito veloce utile al monitoraggio delle possibilità di accesso alla composizione negoziata. Il secondo coincide con il test camerale e permette di compilare il test pratico camerale con cognizione dei dati inseriti. Gli esiti del test rimangono storicizzati e disponibili sull’applicazione web ed è possibile scaricare un report in formato pdf.